PROSSIMI CORSI ECM

28 aprile 2018
5 crediti ECM - Villa Magnisi
Emozioni o emoticon, la fragilità umana e la vitru-realtà

05 maggio 2018
8 CREDITI ECM -Villa Magnisi - ISCRIZIONI CHIUSE PER NUMERO MASSIMO DI PARTECIPANTI RAGGIUNTO
Contenzione: lecita, opportuna, utile?

05 maggio 2018
Noto, Teatro dell’Opera
Benessere Genitale e Sensoriale della Donna

11 maggio 2018
CREDITI ECM - Aula convegni Casa di Cura “MACCHIARELLA”
RADIOTERAPIA MOLECOLARE E A FASCI ESTERNI: DALLA CLINICA ALLA RADIOPROTEZIONE E ALLA FISICA MEDICA

12 maggio 2018
8 CREDITI ECM - Villa Magnisi
II CONGRESSO NAZIONALE CFU ITALIA LA SINDROME FIBROMIALGICA: Esperienze, confronto , condivisione

09 giugno 2018
24 CREDITI ECM - Corso articolato in due week-end
Auricoloterapia Cinese nella Pratica Clinica

09 giugno 2018
9 crediti ECM - Villa Magnisi
MELANOMA: DALLA PREVENZIONE ALLA DIAGNOSI ALLA CURA


Tutti i corsi ECM

BIBLIOTECA MEDICA VIRTUALE
SICILIA: MEDICI DI PALERMO "STOP ALLE VIOLENZE SUBITE, SABATO TUTTI IN PIAZZA"
L'appuntamento è fissato nel capoluogo siciliano, sabato 21 aprile alle 15.30, a piazza Politeama.
lunedì 16 aprile 2018

PALERMO 16 aprile 2018 - Stop alla violenza. L'Ordine dei medici della provincia di Palermo ha organizzato un sit-in pacifico contro ogni forma di aggressione, in particolare contro l'escalation di soprusi e violenze subite quotidianamente dai medici e da tutti i professionisti della sanità negli ospedali e nei luoghi di emergenza.

L'appuntamento è fissato nel capoluogo siciliano, sabato 21 aprile alle 15.30, a piazza Politeama.

"I medici di Palermo - dice il presidente dell'Ordine, Toti Amato, a nome di tutti i presidenti degli Ordini dei Medici siciliani, - si augurano che l'appello sia ascoltato anche dalle istituzioni preposte alla sicurezza e che ci sia una partecipazione massiccia anche delle associazioni dei pazienti e di tutte le sigle sindacali. L'indifferenza su quanto sta accadendo è inaccettabile. Aggressioni violenze e soprusi non possono rimanere lettera morta, impuniti e sottovalutati ancora. Servono risposte concrete urgenti" .