SALUTE: EDILIZIA SANITARIA,INVESTIMENTI PER 1,3 MLD IN SICILIA
I fondi interesseranno l'Ospedale Civico, il presidio Ingrassia e il policlinico di Palermo, il Garibaldi, il Cannizzaro e il policlinico di Catania
martedì 23 ottobre 2012

''Il documento programmatico integra sistematicamente tutte le fonti finanziarie a disposizione per il settore della salute: questo innovativo procedimento consentira' di recuperare anche i circa 60 milioni residui del cosiddetto art. 71 della legge 448 del 98 che riguarda le citta' metropolitane''.

Così si legge nella nota inviata dall'assessorato regionale alla sanità siciliana. I fondi saranno immediatamente disponibili e interesseranno l'Ospedale Civico di Palermo (ampliamento Pronto soccorso, acquisto attrezzature per la Neuroradiologia, adeguamento sistema informatico aziendale), la riqualificazione del presidio Ingrassia di Palermo, la realizzazione di una nuova rete fognaria e la sistemazione della rete viaria del Policlinico di Palermo), l'ammodernamento e la manutenzione di alcune strutture degli ospedali Garibaldi e Cannizzaro e del Policlinico di Catania.

Il Dupiss (documento unitario di programmazione degli investimenti sanitari in Sicilia) per la prima volta consente di avere contezza di tutta la programmazione sanitaria, indipendentemente dalla forma di finanziamento e ha tenuto conto dei fabbisogni e delle priorita' di intervento necessari a garantire qualita', equita' ed accessibilita' all'offerta dei servizi sanitari.

Un lavoro particolarmente complesso che ha avuto come presupposto la riorganizzazione della rete ospedaliera e territoriale e la predisposizione del Piano sanitario e che ha sviluppato un'attenta analisi sulla gestione economica delle nuove strutture e dei risultati attesi dagli investimenti.

Soltanto altre cinque regioni italiane hanno ottenuto lo sblocco dei fondi in seguito a una corretta programmazione degli investimenti.

La prima fase riguardera' la progettazione delle opere piu' cantierabili previste con l'art. 20. Le somme di pertinenza del Ministero dell'Economia, cui deve corrispondere un 5% di fondi regionali, saranno progressivamente erogate man mano che si renderanno disponibili e comunque in rapporto allo stato di avanzamento delle progettazioni definitive e della realizzazione delle opere.

Tra gli investimenti piu' cospicui programmati nel Dupiss spiccano la realizzazione dell'Ospedale Policivico di Palermo e del nuovo Ri.Med - Ismett di Carini.

Il Policivico - finanziamento complessivo previsto di circa 350 milioni di euro - sostituira', unificandoli, l'Ospedale Civico e il Policlinico di Palermo e sara' un ospedale ultra moderno e tecnologicamente avanzato, con oltre 1000 posti letto per le varie specialita'. Sorgera' nell'area di circa 300.000 mq in cui gia' trovano allocazione i padiglioni ospedalieri che saranno recuperati e rifunzionalizzati. Uno studio di fattibilita' gia' redatto tra le due aziende ospedaliere e il Comune di Palermo prevede la riqualificazione urbana dell'area circostante, con il necessario miglioramento delle vie d'accesso e il potenziamento delle aree parcheggio e dei servizi. L'opera incidera' sullo sviluppo del territorio e per questo l'assessore ha voluto inserirlo tra le azioni del Patto per la Salute per Palermo, gia' inviato mesi fa all'amministrazione comunale.

Il nuovo polo ospedaliero di Carini - finanziamento previsto di 118 milioni - sorgera' su un'area di 16 ettari e permettera' la nascita di un vero e proprio campus scientifico della Sicilia, con una struttura ospedaliera da 300 posti letto gestita dall'Ismett che si affianchera' al Centro per le Biotecnologie e la Ricerca Biomedica (CBRB) Ri.Med. Si tratta di un modello con pochi precedenti in Europa che avra' grande valenza scientifica e favorira' la crescita dell'intera regione con un notevole potenziamento dell'offerta del servizio sanitario e delle attivita' di ricerca scientifica e medica. Il nuovo centro ospedaliero costituira' anche un polo di formazione per ricercatori e clinici. A pieno regime, l'ospedale sara' articolato in quattro aree funzionali: Istituto dell'apparato cardiovascolare, Istituto delle neuroscienze, Istituto per l'apparato locomotore, Istituto per i trapianti e Medicina rigenerativa.

Fra gli obiettivi anche il miglioramento della gestione e la prevenzione di patologie, con un crescente impatto socio - economico, la riduzione dei flussi di migrazione passiva e il miglioramento del trattamento delle patologie degli apparati cardiovascolare, neurologico e locomotore.