Nuove regole per l Ecm, un gruppo di lavoro permanente affronta le criticità  della riforma
lunedì 11 ottobre 2010

PALERMO. Un gruppo di lavoro permanente per confrontarsi sulle criticità  delle nuove linee guida per il riordino del sistema siciliano di formazione continua in medicina (ECM) contenute nel decreto dell assessore regionale alla Salute, Massimo Russo. Dell'attività  svolta da questo team formato dai rappresentanti del mondo delle professioni sanitarie dell Isola si è parlato oggi pomeriggio a Villa Magnisi, sede dell Ordine dei Medici Chirurghi e degli Odontoiatri della Provincia di Palermo. All incontro hanno partecipato, tra gli altri, i presidenti degli Ordini di Messina e Caltanissetta, il presidente dell Ordine dei Veterinari della provincia di Palermo, il presidente dell Ordine Interprovinciale dei Chimici della Sicilia, il presidente dell Ordine dei Farmacisti della Provincia di Palermo, la presidente Associazione Biologi della Provincia di Palermo, il presidente dei Collegi TSRM Palermo, il Segretario dell'Unione Nazionale Personale Ispettivo Italia, il presidente dell Aifi Sicilia, esponenti della Fitelab e Tecnici di riabilitazione pschiatrica. L Ipasvi (Infermieri Professionali-Assistenti Sanitari- Vigilatrici d'Infanzia) ha dato la propria adesione. Alla riunione hanno partecipato il presidente dell Ordine di Palermo, prof. Salvatore Amato, il vicepresidente dott. Giovanni Merlino, e diversi consiglieri. Sono state illustrate le perplessità  nate sul decreto per il riordino dell ECM; sono stati affrontati i punti di criticità  ed è emersa la necessità  di un confronto permanente, di un dialogo con l assessorato regionale alla Salute. Gli Ordini, i Collegi e le Associazioni si dicono aperti al confronto per tutelare la formazione e la crescita di ogni singolo professionista sanitario e, di conseguenza, della salute di tutti i cittadini.