PROSSIMI CORSI ECM

05 ottobre 2018
Aula Accademia delle Scienze Mediche Policlinico “P. Giaccone” Palermo
SCREENING E SORVEGLIANZA DI PAPILLOMAVIRUS UMANO (HPV) E DELLE PATOLOGIE HPV-CORRELATE

06 ottobre 2018
Villa Magnisi - 6 crediti ECM
La complessa gestione della sclerosi laterale amiotrofica

06 ottobre 2018
Villa Magnisi - 7 crediti ECM
Corso teorico pratico di terapia del dolore con tecniche di agopuntura e auricoloterapia

13 ottobre 2018
Villa Magnisi - 7 crediti ECM
RADIOLOGIA ED ARTE

13 ottobre 2018
Presso l’Università degli studi di Catania, Torre Biologica
La Tecnologia al Servizio della Salute. Informazione e Uso consapevole

13 ottobre 2018
6 crediti ECM - Buccheri La Ferla
Diagnostica per immagini - Odontoiatrica nell'età evolutiva, in particolare CONE BEAM, nuove linee guida

26 ottobre 2018
20 crediti ECM - 26-27-28 ottobre 2018 - Villa Magnisi
AGGIORNAMENTO IN MEDICINA IPERBARICA: FISIOPATOLOGIA ED INDICAZIONI CLINICHE


Tutti i corsi ECM

BIBLIOTECA MEDICA VIRTUALE

News

21 settembre 2018
SALUTE: XXV GIORNATA MONDIALE DELL'ALZHEIMER, MEDICI "INVESTIRE SULLA RICERCA"

20 settembre 2018
Datacrazia. Il professionista Cyborg e la sfida della rivoluzione digitale. Come competere con il Dottor Google
Interviste evento Datacrazia

20 settembre 2018
Da diversi anni l'Ordine dei Medici di Palermo ha patrocinato e sostenuto l'importante iniziativa.
Elpis Nave Ospedale Onlus - missione in Angola

19 settembre 2018
21 settembre 2018 - Karol RSA, Via Gibilmanna 50 - Villabate
XXV Giornata Mondiale dell'Alzheimer, ESPERTI A CONFRONTO A VILLABATE

19 settembre 2018
Anelli (Fnomceo): “Facciamo nostro questo appello, pronti a condividere e a sostenere il cambiamento che il Ministro vorrà apportare”
Ministra Grillo, abbia compassione!" - La lettera di Serafina Strano, a un anno dalla terribile violenza nella postazione di Guardia Medica a Trecastagni (CT)

18 settembre 2018
Avviso di selezione per l’affidamento dell’incarico relativo ad attività di giornalista - ufficio stampa presso l’OMCeO Palermo, Linea 4 Piano Nazionale di Prevenzione “Promuovere salute: Ricerca/Intervento ” e revoca avviso precedente


Leggi tutti gli articoli pubblicati


Screening ASP Palermo
VERTICE FNOMCEO E OMCEO, ANELLI "QUESTIONE MERIDIONALE INSOSTENIBILE"
sabato 30 giugno 2018

Fare il punto sullo stato di salute del Ssn in tutte le regioni italiane per condividere con tutti i presidenti degli Ordini dei medici provinciali una sanità pubblica in grado di rispondere ai bisogni diversi di ogni singola comunità. Il presidente della Fnomceo (Federazione Nazionale degli Ordini dei Medici Chirurghi e degli Odontoiatri) Filippo Anelli ha iniziato dalla Sicilia, dove ha incontrato a Villa Magnisi, sede dell'Ordine dei medici di Palermo, tutti i presidenti dell'Omceo siciliani guidati da Toti Amato.

Tema atavico e centrale per la Sicilia, come per tutto il Sud, una questione meridionale mai risolta, da tempo denunciata dalla Federazione per la sottostima del ministero della Salute delle risorse destinate al Meridione, imponendo tagli di personale e prestazioni.

"Si riparte dall'articolo 3 della Costituzione che prevede l'uguaglianza di tutti i cittadini davanti alla Repubblica - ha detto il presidente Anelli durante il suo intervento - e da quello che invece viene fuori da tutti gli indicatori di salute e dagli studi fatti dai maggiori istituti, dall'Istat al Censis, da Osserva Salute all'Istituto Superiore di Sanità. Ci sono profonde disuguaglianze non solo tra le regioni, ma anche tra gruppi sociali di cittadini. Non c'é dubbio che chi ha un'istruzione maggiore è sicuramente più tutelato rispetto a chi ha un livello di istruzione più basso, che invece è più predisposto alle malattie, incidendo su un indice di mortalità più alto".

"Ma quello che più ci interessa - ha spiegato il presidente della Fnomceo - è il fatto che questi ceti di popolazione sono maggiormente presenti al Sud, dove livello di ricchezza e aspettativa di vita sono inferiori rispetto al Nord. Fino ad arrivare al picco più basso della Campania, dove la differenza dell'aspettativa di vita, rispetto a un cittadino che vive a Trento o a Bolzano, è di circa tre-quattro anni, a seconda se si tratta di una donna o di un uomo".

"Questo credo - ha proseguito Anelli - sia il frutto di politiche consolidate negli anni e legate alla definizione della quota di ripartizione del fondo sanitario nazionale, che dovrebbe essere uguale per ogni cittadino, diversa tra gli abitanti del Sud e del Nord perché ponderata a seconda dell'età. Dal momento che la popolazione più anziana risiede nell'area settentrionale del Paese, la sanità del Nord ha sempre avuto maggiori finanziamenti, che si traducono in una sanità migliore: più posti letto, più personale e più centri di eccellenza".

"Ad aggravare la situazione delle regioni meridionali - ha aggiunto il presidente della Fnomceo - l'attuale legge sulla mobilità. A pagare gli interventi di chi emigra per curarsi nei centri eccellenza del Norditalia sono le Regioni di provenienza. Così, alla quota iniziale già sottratta, si somma quella pagata per la mobilità. Una situazione che non può più essere sostenuta, a meno che non si decida di trasformare il Sud nel giardino d'Italia, dove venire solo in vacanza, e il Nord in luogo di cura".

Addetto stampa
Stefania Sgarlata
Mob: +39 339.1554110