Ingresso alla facoltà di Medicina: le proposte di Federspecializzandi
martedì 27 maggio 2014

Gli aderenti a FederSpecializzandi si uniscono al coro delle critiche sul modello francese porposto dalla ministra dell'Istruzione, dell'Università e della Ricerca, Stefania Giannini, per sostituire l'attuale test d'ingresso alla facoltà di Medicina e chiede l'istituzione di un tavolo di lavoro.
Ecco le criticità rilevate da Federspecializzandi:
- Il Ministro Giannini ha tracciato, quale linea di indirizzo, un sistema di selezione basato sull'accesso libero al primo anno di corso e una selezione basata sugli esami sostenuti e sul merito degli studenti. Federspecializzandi sottolinea come il percorso formativo del primo anno di studi differisca notevolmente fra i diversi corsi di laurea e il superamento degli esami sia spesso affidato a valutazioni orali e quindi del tutto discrezionali da parte dei docenti. In questo senso, per Federspecializzandi, appare lecito domandarsi come si possa basare la selezione sugli esami sostenuti e con quali modalità verrà valutato il merito degli studenti. «Qualsiasi sistema venga adottato - ribadisce l'associazione - questo deve ispirarsi al principio della trasparenza e dell'oggettività della valutazione».
 L'accesso libero al primo anno di corso determinerà la frequenza delle lezioni di un numero di studenti molto più ampio di quello attuale. Basti pensare che all'ultimo concorso di accesso al corso di laurea in medicina e chirurgia hanno partecipato circa 65.000 studenti per circa 10.500 posti. Da un punto di vista strutturale, i nostri corsi di laurea in medicina e chirurgia non godono degli spazi e delle risorse tecnologiche per garantire una buona formazione, anche solo teorica, a un numero così ampio di studenti. Pertanto l'eventuale riforma dell'accesso a medicina nella direzione del modello francese, richiederebbe da parte del MIUR un forte investimento in termini di rinnovamento delle strutture che ospitano la formazione.
FederSpecializzandi chiede al Ministro se oltre alla modifica delle tempistiche con cui avverrebbe la selezione e delle modalità del concorso, siano in discussione anche i criteri su cui si basa la selezione. In Italia, l'accesso a medicina è storicamente affidato alla esclusiva valutazione di conoscenze nozionistiche nel campo delle scienze biologiche, fisiche, chimiche, matematiche e della logica e cultura generale. In altri paesi europei ed extra-europei, i criteri di selezione si basano, totalmente o in parte, su test standardizzati che esplorano attitudini comunicative, comportamentali ed etiche alla professione medica. A questo proposito, riteniamo utile che si apra una seria e approfondita riflessione su quali siano i requisiti richiesti per intraprendere il percorso formativo verso la professione etica.
L’Ufficio per la Comunicazione OMCeO-Pa

Filippo Siragusa