BIBLIOTECA MEDICA VIRTUALE

News

16 ottobre 2019
Video: giuramento 2019 ed intervista al vicepresidente Giovanni Merlino

14 ottobre 2019
Il presidente Mario Marrone: "Abbiamo avviato i percorsi formativi obbligatori degli assistenti, a ottobre 2020 i primi attestati di qualifica con
News
ODONTOIATRI: LA SICILIA DEFINISCE LE REGOLE PER LA FORMAZIONE DEGLI ASSISTENTI DI STUDIO

12 ottobre 2019
Foto della Consegna delle Medaglie d'oro ai medici con 50 anni di professione medica - 2019

10 ottobre 2019
medicina e chirurgia · odontoiatria · veterinaria · biologia · farmacia · professioni sanitarie · biotecnologie
Logomed - Preparazione ai test universitari

08 ottobre 2019
Sedi: Roma - Siracusa - Treviso
Master Universitario PSICO-ONCOLOGIA

08 ottobre 2019
La ricostruzione mammaria tra protesi e tessuto autologo. Corso di aggiornamento dopo un anno di allarmismo e superficialità


Leggi tutti gli articoli pubblicati


Screening ASP Palermo
Bioetica: Palagiano (Idv) su dati Eurispes, esigenze dei cittadini inascoltate da politici
giovedì 31 gennaio 2013

''I governi che si sono succeduti negli ultimi anni sono stati profondamente distanti dalla realtà, non hanno dato spazio ai bisogni dei cittadini e hanno strumentalizzato un settore delicato come quello della bioetica in funzione dei loro interessi. I risultati del Rapporto Italia 2013 dell’Eurispes dimostrano, invece, che gli italiani chiedono uno stato laico, basato sui diritti e non sui dogmi''. Lo dichiara l’on. Antonio Palagiano, Presidente della Commissione d'inchiesta errori sanitari e responsabile sanità Idv. 

''Rispetto ai temi etici, il dati Eurispes confermano che gli italiani sono più avanti dei loro politici e delle leggi vigenti. Oltre il 77% di  loro - prosegue Palagiano - vuole una legge sul testamento biologico che tuteli le volontà del paziente nel fine vita e addirittura il 64,6% si dichiara favorevole all'eutanasia. Il 79,4% degli intervistati approva la procreazione medicalmente assistita e si aspetta tecniche di fecondazione accessibili in maniera omogenea su tutto il territorio nazionale. Lo stesso vale per l’interruzione volontaria di gravidanza, sulla quale gli italiani auspicano un maggiore utilizzo della pillola abortiva a scapito dell’interruzione chirurgica''.