Credito per Professionisti e PMI senza garanzie
Il Decreto del Ministero dell'Economia e delle Finanze 29 settembre 2015 ha approvato le Disposizioni operative del Fondo di Garanzia per il microcredito. L'intervento del Fondo mediante la concessione di una garanzia pubblica sulle operazioni di microcredito ha lo scopo di sostenere l'avvio e lo sviluppo della microimprenditorialità favorendone l'accesso alle fonti finanziarie.
mercoledì 25 maggio 2016

Possono ottenere la garanzia le imprese già costituite o i professionisti già titolari di partita IVA, da non più di 5 anni e che non abbiano più di 5 dipendenti, ovvero 10 nel caso di Società di persone, SRL semplificate, cooperative. Ulteriori limitazioni sono riconducibili all'attivo patrimoniale (massimo 300.000 euro), ai ricavi lordi (fino a 200.000 euro) ed al livello di indebitamento (non superiore a 100.000 euro).

Per essere ammissibili al Fondo i professionisti, inoltre, devono essere iscritti agli ordini professionali o aderire alle associazioni professionali iscritte nell'elenco tenuto dal Ministero dello sviluppo economico (MISE) ai sensi della legge 4/2013. Professionisti e imprese devono operare nei settori ammissibili in base alle Disposizioni operative del Fondo.

Sono ammissibili alla garanzia del Fondo i finanziamenti finalizzati all'acquisto di beni e servizi connessi all'attività svolta (compreso il pagamento dei canoni del leasing, il microleasing finanziario e il pagamento delle spese connesse alla sottoscrizione di polizze assicurative), al pagamento di retribuzioni di nuovi dipendenti o soci lavoratori e al sostenimento dei costi per corsi di formazione.

I finanziamenti possono avere una durata massima di 7 anni e non possono eccedere il limite di euro 25.000 per ciascun beneficiario. Tale limite, a fronte di specifiche condizioni, può essere aumentato di euro 10.000 fino ad un massimo di € 35.000,00.

Il Fondo prevede una Sezione Speciale destinata alle Imprese Femminili costituite in forma di impresa individuale da donne o per le quali la quota di partecipazione femminile sia non inferiore alla misura del 60% o dei 2/3 del capitale sociale in caso di società di capitali.

Alle imprese femminili è concesso di:

- prenotare direttamente la garanzia

- priorità di istruttoria 

esenzione del versamento della commissione al Fondo

copertura finanziaria fino all'80% delle operazioni

Fonte: MISE - Fondo di Garanzia

 

Per ulteriori informazioni ed approfondimenti contattare la segreteria allo 091 671 02 20