BIBLIOTECA MEDICA VIRTUALE
Avviso pubblico per titoli e colloquio per n. 3 posti di dirigente medico disciplina di pediatria
In allegato la domanda
sabato 04 gennaio 2014

SCADE IL 27/01.2014
 

AVVISO PUBBLICO PER TITOLI E COLLOQUIO

PER N. 3 POSTI DI DIRIGENTE MEDICO

DISCIPLINA DI PEDIATRIA

 

In esecuzione della deliberazione n. 1011 del 20/12.2013 è emanato Avviso Pubblico per titoli e colloquio per il conferimento di:

 

N. 3 INCARICHI A TEMPO DETERMINATO DI 36 MESI

DIRIGENTE MEDICO

DISCIPLINA DI PEDIATRIA

 

Le domande di partecipazione, corredate della documentazione richiesta e dei titoli posseduti, vanno inviate a mezzo raccomandata postale con avviso di ricevimento al seguente indirizzo: “Ufficio Protocollo - Azienda Ospedaliera “OSPEDALE TREVIGLIO CARAVAGGIO” - Piazzale Ospedale, 1 - 24047 Treviglio (BG)”, ovvero mediante invio di posta elettronica certificata (PEC) alla relativa casella: ufficio_protocollo@pec.ospedale.treviglio.bg.it

 

 

 

entro e non oltre il termine perentorio

delle ore 12,00 del giorno 27/01.2014

 

 

Non saranno considerate valide le domande pervenute oltre tale data anche se inoltrate per mezzo del Servizio Postale con timbro accettante entro la data di scadenza sopra citata.

 

Il termine fissato per la presentazione delle domande è perentorio.

 

L’Azienda non si assume alcuna responsabilità in ordine alle domande smarrite o pervenute oltre il predetto termine a causa di insufficiente o errato indirizzo, disguidi o altre cause non imputabili alla propria volontà.

 

Il ritardo nella presentazione o nell’arrivo della domanda alla sede sopra indicata, quale ne sia la causa, anche se non imputabile al candidato, comporta la non ammissibilità di quest’ultimo all’Avviso stesso.

 

L’indirizzo della casella pec del mittente deve essere obbligatoriamente riconducibile, univocamente, all’aspirante candidato.

In caso di consegna a mano, le domande dovranno essere consegnate al suddetto Ufficio Protocollo, dal lunedì al venerdì, dalle ore 9.00 alle ore 16,00 con orario continuato.

 

 

Domanda di ammissione

Nella domanda dovranno essere indicati:

a) la data, il luogo di nascita e la residenza;

b) il possesso della cittadinanza italiana o equivalente, ovvero cittadinanza di uno degli stati membri dell’Unione Europea ovvero cittadinanza di uno dei Paesi Terzi con i requisiti previsti dall'art.38 del D.Lgs. 30/03/2001 n.165 così come modificato dall'art.7 della Legge 6/8/2013 n.97;

c) il Comune di iscrizione nelle liste elettorali, ovvero i motivi della non iscrizione o della cancellazione dalle liste medesime;

d) le eventuali condanne penali riportate ovvero la dichiarazione di non aver riportato condanne penali;

e) i titoli di studio posseduti;

f)  la posizione nei riguardi degli obblighi militari;

  1. gli eventuali servizi prestati presso pubbliche amministrazioni e le cause di risoluzione dei precedenti rapporti di pubblico impiego;
  2. Il consenso al trattamento dei dati personali (D.Lgs. 30/06/2003 n.196).

 

I candidati di cittadinanza diversa da quella italiana dovranno dichiarare, inoltre, di godere dei diritti civili e politici anche nello Stato di appartenenza o di provenienza, ovvero i motivi del mancato godimento dei diritti stessi e di avere adeguata conoscenza della lingua italiana.

 

Nella domanda di ammissione al presente Avviso l'aspirante deve indicare il domicilio presso il quale deve, ad ogni effetto, essergli fatta ogni necessaria comunicazione. I candidati hanno l'obbligo di comunicare gli eventuali cambiamenti di indirizzo all'Azienda, la quale non assume alcuna responsabilità nel caso di loro irreperibilità presso l'indirizzo comunicato.

 

Nella domanda di ammissione l'aspirante deve indicare altresì di sottostare a tutte le condizioni stabilite nel presente Avviso nonché alle norme tutte di legge e dei regolamenti interni ed eventuali successive modificazioni degli stessi.

 

L'Aspirante deve apporre la propria sottoscrizione in calce alla domanda.

 

Requisiti generali e specifici di ammissione

Possono partecipare all’avviso coloro che risultano in possesso dei seguenti requisiti:

a)cittadinanza italiana o equivalente, ovvero cittadinanza di uno degli stati membri dell’Unione Europea ovvero cittadinanza di uno dei Paesi Terzi con i requisiti previsti dall'art.38 del D.Lgs. 30/03/2001 n.165 così come modificato dall'art.7 della Legge 6/8/2013 n.97;

b)idoneità fisica all’impiego. L'accertamento dell’idoneità fisica all'impiego – intesa come senza limitazioni e con l'osservanza delle norme in tema di categorie protette - sarà effettuato, ai sensi di quanto previsto dalle normative vigenti, a cura dell'Azienda Ospedaliera. Il personale dipendente da Pubbliche Amministrazioni ed il personale dipendente dagli Istituti, Ospedali ed Enti di cui agli artt.25 e 26, primo comma, del D.P.R. 20/12.1979 n.761 è dispensato dalla visita medica.

c)laurea in Medicina e Chirurgia;

d)Specializzazione nella Disciplina di Pediatria ovvero in disciplina equipollente o affine. Il candidato dovrà specificare se la specializzazione è stata conseguita ai sensi del D.Lgs. 08/08/1991 n.257 o del D. Lgs 17/8/1999 n.368, come pure la durata del Corso di specializzazione, ai fini di una adeguata valutazione della stessa.

  1. iscrizione all'albo dell’Ordine dei Medici-Chirurghi; L’iscrizione al corrispondente albo professionale di uno dei Paesi dell’Unione Europea consente la partecipazione all’avviso, fermo restando l’obbligo dell’iscrizione all’albo in Italia prima dell’assunzione in servizio.

 

Non possono accedere all’incarico coloro che siano stati esclusi dall’elettorato attivo nonché coloro che siano stati destituiti o dispensati dall’impiego presso una pubblica amministrazione per aver conseguito l’impiego stesso mediante la produzione di documenti falsi o viziati da invalidità non sanabile.

 

I requisiti di ammissione dovranno essere posseduti alla data di scadenza del termine stabilito nel presente Avviso per la presentazione delle domande di ammissione.

 

Documentazione da allegare alla domanda

Alla domanda devono essere allegati i seguenti documenti:

  1. Autocertificazione ai sensi del DPR n. 445/2000 e s.m.i. relativa al possesso dei prescritti requisiti specifici di ammissione (titoli di studio ed eventuali iscrizioni all'albo) sopraindicati;
  2. Autocertificazione ai sensi del DPR n. 445/2000 e s.m.i. relativa ai titoli che il concorrente ritenga opportuno certificare agli effetti della valutazione di merito e della formulazione della graduatoria, anche inerenti ad eventuali diritti o preferenze nella graduatoria stessa;
  3. Le pubblicazioni devono essere edite a stampa e non possono essere oggetto di autocertificazione;
  4. Curriculum formativo e professionale, datato e firmato; Il curriculum  ha unicamente uno scopo informativo e non costituisce autocertificazione: le attività professionali, i corsi di studio, di aggiornamento ecc. indicati nel curriculum saranno presi in esame solo se formalmente oggetto di distinta autocertificazione;
  5. Un elenco in carta semplice ed in triplice copia, datato e firmato, della documentazione presentata numerato progressivamente in relazione al corrispondente documento;

 

Le dichiarazioni sostitutive di cui agli uniti moduli devono essere inviate unitamente a fotocopia di un valido documento di identità.

 

Relativamente alle autocertificazioni viene sottolineato che, ai sensi dell’art. 75 del D.P.R. 28/12/2000 n. 445, ferme restando le sanzioni penali previste per le dichiarazioni mendaci, per falsità negli atti stabilite dall’art. 76 del D.P.R. 445/2000, qualora dal controllo effettuato dall’amministrazione emerga la non veridicità del contenuto della dichiarazione, il dichiarante decade  dai benefici eventualmente conseguenti al provvedimento emanato sulla base della dichiarazione non veritiera.

 

Valutazione titoli

Per la valutazione dei titoli si osserveranno i criteri previsti dagli artt.11 e 27 del DPR n.483 del 10/12.1997 e si precisa che non saranno valutate attestazioni non idonee, inesatte o incomplete.

In particolare:

  • Non è valutata la specializzazione fatta valere come requisito di ammissione. La specializzazione conseguita ai sensi del D. Lgs. 8/8/1991 n.257 o del D. Lgs. 17/8/1999 n.368, anche se fatta valere come requisito di ammissione, è valutata tra i titoli di carriera come servizio prestato nel livello iniziale del profilo stesso nel limite massimo della durata del corso di studi, così come previsto dall’art.45 del D.Lgs. n.368/99 e come chiarito in merito dal Ministero della Salute e delle Politiche Sociali con nota n.0017806 – P dell’11 marzo 2009 – DGRUPS. Pertanto è necessario che il candidato che intenda usufruire di tali punteggi, documenti o dichiari, con esplicita autocertificazione, di aver conseguito la propria specialità ai sensi del D. Lgs. n.257/91 ovvero ai sensi del D. Lgs. n.368/99, specificando anche la durata del corso. In mancanza di tali indicazioni non verrà attribuito alcun punteggio.
  • Nelle autocertificazioni relative ai  servizi devono essere indicate le posizioni funzionali o le qualifiche attribuite, le discipline nelle quali i servizi sono stati prestati, il tipo di rapporto di lavoro (tempo pieno/tempo parziale con percentuale), nonché le date iniziali e finali dei relativi periodi di attività e deve essere attestato se ricorrano o meno le condizioni di cui all’ultimo comma dell’art.46 del D.P.R. 20/12.1979 n.761, in presenza delle quali il punteggio di anzianità deve essere ridotto. In caso positivo, l’attestazione deve precisare la misura della riduzione di punteggio.

Relativamente ai servizi prestati si sottolinea quanto segue:

  • Il Servizio militare dovrà essere autocertificato ai sensi dell’art.46 del D.P.R. 445/00: al fine di consentirne una corretta valutazione dovranno essere indicati a) l’esatto periodo di svolgimento b) la qualifica rivestita c) la struttura presso la quale è stato prestato;
  • Le autocertificazioni relative ai servizi prestati presso case di cura private dovranno  indicare specificatamente se la casa di cura sia convenzionata o accreditata; in assenza di tale indicazione il servizio non sarà valutato nei titoli di carriera ma nel curriculum formativo e professionale;
  • Le autocertificazioni relative ai  servizi prestati presso case di riposo dovranno indicare se la casa di riposo sia un ente del Comparto Sanità o, comunque, un ente della Pubblica Amministrazione.

 

Sono considerati privi di efficacia i documenti e le certificazioni che perverranno dopo la scadenza del termine perentorio per la presentazione delle domande.

 

Modalità di attribuzione del rapporto di lavoro a tempo determinato

L’attribuzione del rapporto di lavoro a tempo determinato di cui al presente avviso avverrà a seguito di valutazione dei titoli presentati dai candidati nonché del sostenimento di un colloquio inerente la disciplina a concorso.

 

Detto colloquio verterà su argomenti inerenti alla disciplina e sui compiti connessi alla funzione da conferire, così da poter verificare sia il patrimonio di conoscenze applicate dei Candidati, sia la loro capacità di analisi nella soluzione di problemi operativi ed organizzativi.

 

I candidati, in possesso dei requisiti richiesti, dovranno presentarsi

 

il giorno 05/02.2014 alle ore 9,30 presso L'Aula Gruppi di Miglioramento – Piano Terra – Palazzina Uffici – A.O. Treviglio – P.le Ospedale, 1 – 24047 Treviglio (bg)

 

per il sostenimento del colloquio, previa esibizione di valido documento di riconoscimento.

 

La presente vale quale convocazione, senza necessità di ulteriori comunicazioni.

 

La mancata presentazione al colloquio nel giorno prefissato, qualunque ne sia la causa, equivarrà a rinuncia alla partecipazione.

Valutazione titoli e colloquio

La valutazione dei titoli e del colloquio verrà effettuata da una apposita Commissione la quale dispone di:

 

 

a)Valutazione titoli: punti 20 così ripartiti:

  • Titoli di carriera: punti 10
  • Titoli accademici e di studio: punti 3
  • Pubblicazioni e titoli scientifici: punti 3
  • Curriculum formativo e professionale: punti 4
  1. Colloquio: punti 50

 

Il superamento del Colloquio è subordinato al raggiungimento di una valutazione di sufficienza espressa in termini numerici di almeno 35/50.

 

A parità di punteggio si applicheranno le disposizioni di cui all’art.5 del DPR n.487/1994 e all’art.2 della Legge n.191/1998.

 

La graduatoria dei candidati sarà approvata con deliberazione del Direttore Generale dell’Azienda Ospedaliera e sarà pubblicata all’Albo Pretorio on line dell’Azienda: tale pubblicazione varrà quale comunicazione agli interessati dell’esito dell’avviso.

 

Il presente Bando viene emanato tenendo conto dei benefici in materia di assunzioni riservate agli Invalidi di Guerra e categorie assimilate (Legge 12/03/1999 n.68).

 

Ai sensi del D.Lgs. 30/06/2003 n.196 (Codice in materia di protezione dei dati personali) i dati personali forniti dai candidati o acquisiti d'ufficio saranno raccolti presso l’Area Gestione Risorse Umane per le finalità di gestione dell’avviso e saranno trattati presso la medesima Unità Operativa anche successivamente all’eventuale instaurazione del rapporto di lavoro, per finalità inerenti alla gestione del rapporto medesimo nonché per gli adempimenti previsti dal D.Lgs. 14/03/2013 n.33 in materia di “trasparenza della P.A.”.

 

La presentazione della domanda da parte dei candidati implica il consenso al trattamento dei propri dati personali, ivi compresi quelli “sensibili”, nel rispetto del D.Lgs. 30/06/2003 n.196.

 

A norma della Legge 10/04/1991 n.125 e degli artt.7 e 57 del D.Lgs. 30/03/2001 n.165, è garantita parità e pari opportunità tra uomini e donne per l’accesso al lavoro e il trattamento sul lavoro.

 

Per quanto non previsto dal presente Avviso, si rimanda alla normativa vigente in materia.

L’Azienda si riserva la facoltà di prorogare, sospendere o revocare il presente Avviso per eventuali motivate ragioni.

 

Per qualsiasi informazione rivolgersi all’Ufficio Concorsi dell’Azienda – orario di apertura al pubblico: dalle ore 10,30 alle ore 12,30 e dalle ore 14,00 alle ore 15,00 dal Lunedì al Venerdì - (tel. 0363/424533) Piazzale Ospedale, n.1 – 24047 TREVIGLIO (BG).

 

Treviglio,  30/12.2013                          

 

 

IL DIRETTORE AMMINISTRATIVO                                      IL DIRETTORE GENERALE

    - CIAMPONI dott. Vincenzo -                                                 - CESARE dr. Ercole -

 

 

(esente da bollo art.19 DPR 24/4.1954 n.342 all.b)