ONDATE DI CALDO: MEDICI IN PRIMA LINEA “SICILIA TERRITORIO VULNERABILE”

Alla luce dei dati preoccupanti sugli effetti dei cambiamenti climatici rilevati dall'Ipcc (Intergovernmental Panel on Climate Change) e dall'Oms, domani 23 giugno, dalle 10 alle 17, nell'aula Cocchiara del Consiglio nazionale delle ricerche (Cnr) di Palermo, si svolgerà un workshop sul “Piano nazionale caldo, Estate 2017”. Si parlerà delle nuove evidenze... leggi
Lettetra congiunta Piero Muzzetto - Presidente Omceo di Parma e Toti Amato - Presidente l Omceo Palermo alla FNOMCEO e a tutti gli ordini
La pubblicistica di questi giorni ci offre all’attenzione proposte di Legge che, a parte scontate affermazioni politiche, sono oggetto di discussione e ancor prima d’analisi nella forma e nella sostanza.   Nella forma, perché è evidente lo scollamento delle istituzioni che non si parlano o si parlano in modo incongruo. Di contenuto, perché le ultime proposte, mal scritte e criptiche, delineano una professione medica inesistente, tratteggiata, immaginata e mai fino in fondo nominata.   Anche laddove si parla d’interconnessione professionale e delle varie specificità, la figura medica è collocata in una sorta di limbo. E, per alterno destino, ne scaturisce una classe medica poco o mal considerata; vista eventualmente come risorsa da sfruttare nel contenzioso, piuttosto che essere apprezzata per le sue virtù ed indubbie peculiarità. Se non volutamente considerata fonte di spesa, perché imputata d’applicare disinvoltamente a sua tutela la “medicina difensiva”. E come tale da “mazziare”.   Le modifiche all’originaria proposta Lorenzin confermano il giudizio di meticciato legislativo, che è di per sé fonte di perplessità, ancor più perché nata senza la condivisione col mondo ordinistico. Così da farla apparire ancor più confusa e non solo mal scritta.   Aspetti che vanno ben al di là delle procedure elettorali degli Ordini, dei mandati dei presidenti o dei componenti dei comitati direttivi; o da altrettanti e non meno importanti aspetti della giustizia deontologica. Ma fin dall’incipit il medico è ancora una volta un esercente sanitario, e la sua storia ordinistica si diluisce in quella dei quasi quaranta nuovi ordini.   Per quanto siano di una certa importanza, appare riduttivo soffermarsi sul numero dei mandati e sulla loro durata, consapevoli come siamo che due siano alquanto limitativi della buona funzionalità di un Ordine, in rapporto alla complessità di gestione e agli obiettivi. Ma è davvero fuori luogo parlare di elezioni democratiche degli ordini e coll’emendamento recentemente proposto in commissione si voglia specificarlo per legge: di per sé un atto irriguardoso, fuorviante e indecoroso. Di questo ne dovremo comunque parlare, ma dopo aver fatto una considerazione di
 
Invito serata di beneficenza all'Ordine dei Medici
Villa Magnisi sabato 1 luglio 2017 ore 20,30 Vi rinnoviamo l’invito a partecipare alla serata di beneficienza che si terrà a Villa Magnisi, sede dell’Ordine dei Medici il prossimo 1 luglio 2017, organizzata dall’Associazione Marcosacchi. Un aperitivo rinforzato e tanta buona musica con la Skillie Charles Orchestra  con il loro repertorio di musica Soul, Blues e Gospel, per trascorrere una piacevole serata insieme. Il ricavato andrà devoluto al settore Paraolimpico A.s.d. Club Scherma Palermo. Il biglietto prevede una donazione  di 10 euro a persona. In allegato la locandina dell’evento. Per info: cell. 3455209098 ...